Scrivere in Giapponese su Debian

nihongo 日本語Nessun problema per gli studenti di Lingua Giapponese che utilizzano Linux come sistema operativo principale, anzi, installare l’input giapponese su Debian è facilissimo e veloce.

Spieghiamo in pochi passi come fare.

Cosa possiamo fare con l’input in giapponese

L’input giapponese su Debian ci permetterà di scrivere in Hiragana (ひらがな), in Katakana (カタカナ) ed in Kanji (漢字). Tutto questo sarà possibile scrivendo i suoni dei vari kana che compongono una parola con la nostra tastiera con il metodo rōmaji (ローマ字) ovvero con i caratteri romani.

Procediamo con la configurazione

Prima di tutto apriamo una finestra di terminale ed installiamo il pacchetto che ci permetterà di gestire l’IME giapponese:

sudo apt-get install ibus-anthy

Dopo aver effettuato questa operazione sarà necessario uscire dalla sessione oppure riavviare il sistema.

Anthy - Selezionare ConfigurazioneUna volta rientrato nella propria sessione utente sarà necessario entrare nel pannello di controllo di sistema e, in Gnome ad esempio, è possibile farlo clikkando sul tasto Configurazione nel pannello che si trova in alto a destra nella System Tray (vedi immagine ingrandita clikkandoci sopra).

A questo punto clikkare sull’icona Regione e Lingua e successivamente sul tastino con il simbolo “+” per aggiungere una sorgente di input. Consiglio di allargare un po’ la finestrella che si aprirà, che è decisamente piccola e scomoda, e di cercare la lingua “Giapponese”.

Selezionare la lingua Giapponese (Anthy) e confermare clikkando sul tasto Aggiungi.

La configurazione è ora completata e possiamo iniziare a scrivere finalmente in Giapponese su Debian.

Come si attiva il metodo di input appena configurato?

Anthy - Dal menu sorgenti input selezionare Giapponese (Anthy)

Il metodo più scomodo per switchare tra tastiera Italiana e Giapponese è quello di clikkare con il mouse in alto nella System Tray, in corrispondenza del codice identificativo della lingua, e selezionare, come nell’immagine qui a fianco, la lingua giapponese con il mouse.

Il metodo più usato, invece, è quello di sfruttare una scorciatoria da tastiera molto comoda: Super – Spazio. Il tasto Super, giusto per ricordarlo, è quello con, purtroppo, il loghettino di Windows!!

Come si usa nella pratica di tutti i giorni?

Una volta attivata la tastiera Giapponese, scrivere normalmente in rōmaji ciò che vogliamo ed otterremo la scritta in Hiragana. Ad esempio: se scriviamo la parola hiragana otterremo come risultato ひらがな.

Se vogliamo scrivere la parola katakana con i simboli del sillabario katakana, invece, otterremo  la scritta かたかな (in hiragana) ma, premendo il tasto F7 prima di confermare la parola con invio, otterremo il testo カタカナ.

Per scrivere una parola in kanji, invece, dobbiamo sempre scrivere la trascrizione rōmaji e poi premere la barra spaziatrice per selezionare il giusto kanji.

Scriviamo ad esempio nihongo (che significa lingua giapponese). Appena scritto verrà visualizzato questo testo: にほんご ma premendo la barra spaziatrice, prima di confermare con invio, otterremo 日本語. Premendo più volte la barra spaziatrice sarà possibile selezionare il giusto kanji per la parola inserita.

Non è difficile vero?

Questo articolo ti è stato utile?

Se questo articolo ti è stato utile condividilo con i tuoi amici che studiano giapponese o che potrebbero essere interessati ad installare la lingua giapponese sul proprio sistema Debian.

Te ne saremo immensamente grati e per dimostrarlo ecco qui un piccolo esempio, in LibreOffice Writer,  con tanto di inchino da parte del nostro アレックス (Alex)!!

Anthy - Scrivete in giapponese inserendo i suoni in romaji

Rispondi